L’importanza del mettere a posto

Io adoro farlo, anche se ho un unico problema, neppure tanto piccolo, che mi rincorre da una vita: l’armadio. So mettere a posto tutto, pensieri e vita compresi, ma l’armadio proprio no. O meglio, lo faccio, tuttavia resta sempre un po’ caotico. Ho peró una scusa valida: siccome compero sempre tante cose, va a finire che è costantemente troppo pieno, spesso e volentieri anche di cose non uso piú. Gli psicologi lo chiamano «attaccamento emotivo» e non sempre è un bene, né per noi per il pianeta. Il fatto è che non facendo spazio alle cose nuove, finisce che rimaniamo imbrigliate nel passato e non sappiamo cambiare strada, il che presto diventa chiaro su molti livelli diversi.

Foto: Pinterest

Non sono le cose materiali a darci felicità, anche se questo concetto è molto diffuso nella società dei consumi in cui viviamo. Sono le esperienze, e solo quelle, come mostrato recentemente da una vasta indagine fatta negli Stati Uniti. La felicità vera e duratura deriva dalle esperienze che facciamo, come ad esempio un viaggio, un corso per lavorare la ceramica, una gita con le amiche, un pranzo con la famiglia. Altro che abiti e gioielli, la felicità vera sta tutta da un’altra parte.

Foto: Pinterest

Quello che facciamo al giorno d’oggi è accumulare così tante cose da scoppiare: si rischia di sentirsi stressati, perché il caos e il disordine del mondo esterno si riflettono nel nostro modo di essere. Questo non vuol dire che bisogna liberarsi indistintamente da tutto: bisognerebbe piuttosto imparare a selezionare cosa serve e cosa no. E magari comperare di meno e investire su altre cose, delle quali non solo abbiamo effettivamente più bisogno, ma ci renderanno anche più felici.

Foto: Pinterest

Si è scritto davvero tanto su come e quando mettere a posto, sul fatto che gli abiti che non servono più andrebbero ringraziati, salutati e ciao ciao a mai più, quindi penso sappiate già tutto. L’importante a questo punto è ricordare che fare decluttering è una mindfulness che ci porta a stare meglio, perchè il vedere disordine mette ansia, soprattutto nelle donne. Un altro beneficio è che ci aiuta a risparmiare tempo e denaro, perchè tante volte troviamo cose che neppure sapevamo di possedere. Ne so qualcosa io, che ho i pigiami vecchi di sei anni con le etichette ancora attaccate….

Foto: Pinterest

Un’altra cosa fondamentale è che gli spazi ordinati consentono una maggiore concentrazione perché ci sono meno distrazioni. Questo aiuta ad attivare la mente e quindi anche a sviluppare migliori capacità di problem solving.  Molte delle cose che si accumulano e non si utilizzano hanno un valore sentimentale e personale, che ci fa sentire meglio ma non dovremmo rappresentarci per ciò che abbiamo, ma per ciò che siamo. Liberarsi del superfluo ci aiuta anche in questo e aumenta la fiducia in noi stessi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.