Come sconfiggere i pensieri negativi

Anche se questo mio blog nasce con l’intento di parlare di moda e dare qualche consiglio in fatto di bellezza o estetica, non posso rimanere immune di fronte alle notizie che ci circondano. Da psicologa mi sento allarmata per molti motivi, uno di questi é anche il fatto che l’essere umano é un essere sociale e come tale ha bisogno di contatto e interazione per sopravvivere. Si parla tanto di mascherine e disinfettanti, ma non si parla mai abbastanza di depressione, nella quale é molto facile scivolare quando i pensieri negativi non se ne vogliono andare. Tuttavia non dobbiamo dimenticare che in ognuno di noi ci sono le risorse necessarie per sopravvivere a crisi di ogni tipo, basta qualche accorgimento per riuscire ad adattarci meglio e credere fermamente che anche questa situazione, per quanto difficile, non é definitiva.

Foto: picjumbo.com

Non pensate troppo

Purtroppo il cervello sa creare dei circoli viziosi che sono molto difficili da sormontare. La soluzione é quella di tenerlo occupato con altre attivitá. Se ad esempio pulite la case, state al computer, aiutate i figli coi compiti, leggete un libro, non avrete il tempo di pensare costantemente ai fatti odierni. Ció non vuol dire fregarsene, anzi, vuol dir solo darsi la possibilitá di respirare e fare una piccola pausa.

Fate dei piani

Scrivete le cose che avete intenzione di portare a termine e cercate di capire come. Molte volte fare piani risulta tranquillizzante, perché ci permette di trovare una soluzione a un problema che sembra insormontabile. Mettete quindi per iscritto le intenzioni, anche quelle quotidiane. Ad esempio: dalle 10 alle 12 compiti con i bambini. Dalle 12 alle 14 ora pranzo + cibo da preparare. Dalle 15 alle 18 lavoro al computer: oggi faro’…In questo modo tenete le cose sotto controllo e date ritmo alla giornata.

Foto: picjumbo.com

Visualizzate

Il potere della visualizzazione é incredibile, anche se molti stentano a crederci. In realtá visualizzare qualcosa “come se giá esistesse” é un po’ come imbrogliare il cervello e fargli credere che la realtá é un’altra. Potete provare anche con una cosa semplice, come ad esempio il ricordo vivido di una vacanza che vi é piaciuta. Chiudete gli occhi, sentite i rumori, rivedete i colori, le persone, i momenti. Tutto il corpo ve ne sará grato.

Non dimenticate il senso della vita

Sta nelle piccole cose e forse questa pandemia ce le ha fatte vedere. Diciamo che le nostre vite oggi non hanno proprio una grande qualitá, sono super frenetiche e ci fanno dimenticare le cose importanti. Ieri ho fatto i compiti con mia figlia e abbiamo riso come matte. Mi é piaciuto fare i calcoli di matematica e in mezzo preparare la pasta con il salmone. In quel momento ho pensato: va bene cosí.

Foto: picjumbo.com

L’importanza delle piccole cose

Esco al supermercato e compro un mazzo di tulipani. La cassiera mi guarda sconvolta, in realtá é pieno di fiori, ma nessuno neppure li vede. Quel mazzo mi ha resa felice. Sta lí, nel bel mezzo del soggiorno, splendidamente viola, rosa e bianco, silenzioso e al contempo pieno di promesse, perché mi parla di primavera. É un piccolo gesto verso me stessa in una giornata densa di notizie non proprio belle. Mi sono data una tregua.

Non confrontate

Il confronto sa essere davvero pesante. Pensare a quello che c’é oggi e a quello che avevamo solo qualche mese fa é straziante. Cercate di non farlo. Ricordatevi che on serve a nulla, anche perché ci troviamo in una situazione nuova che ha bisogno di giungere al termine, solo allora capiremo dove siamo esattamente. Quindi fate dei passi piccoli, piano, a misura di piede, nessuno vi corre dietro, anzi, in questo momento avete davvero tempo.

Foto: picjumbo.com

Fermatevi

Einstein ci ha insegnato che esiste solo questo momento, tutto il resto é relativo, forse c’é, forse non c’é. Fermatevi un attimo e cercate di notare le piccole cose che parlano di vita normale. Godetevi la compagnia di un libro, provate a disegnare, scrivete il diario (scrivere é sempre molto terapeutico), ascoltate della buona musica, vedete qualche bel film, scrivete una lettera. Occupatevi di voi stessi come se doveste abbracciarvi, perché in questo momento abbiamo bisogno proprio di questo: di un bell’abbraccio che ci faccia sentire amati.

#TUTTOANDRABENE#

 

2 Comments

  1. Anna

    Dolcissima Lorella,…..grazie davvero per queste parole splendide,piene di saggezza e serenità.
    Io in questi giorni,scrivo tantissimo…pensieri,poesie,ricette di cucina,….leggo (da sempre),sperimento in cucina,guardo film (sono una fan di Alessandro Gassmann),…..yoga in streaming con Lifegate,……………..cerco di non pensare al male che sta vivendo ora l’umanità (ciò non significa,come hai ribadito tu che non mi riguardi),…………voglio sopravvivere,voglio vivere,………e ti abbraccio virtualmente con grande affetto.
    La tua Anna (da Trieste)

    • Lorella Flego

      Grazie Anna, mi fa sempre tanto piacere leggerti. La situazione non é di certo rosea, ma speriamo bene, anche la primavera e le temperature piú alte dovrebbero darci una mano! Un abbraccio xoxo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.