Fare a maglia fa bene all’anima

Ricordo mia nonna, sempre intenta a creare scialli e copriletti. Mi affascinavano i ferri e le lane colorate e poi mia mamma che mi ripeteva sempre:”Non hai idea di quanto lavoro ci sia per un copriletto cosí”. Ma da bambina non ne capivo il valore, mi sembrava solo tanto tempo perso per creare qualcosa che puoi anche comperare. Punto e basta. Poi, nel tempo, incominci a vedere le cose diversamente ed ecco che quel copriletto diventa magico, simbolo di una storia, spesso anche di una vita, di mani attente ed occhi vispi, di tempo, tempo e ancora tempo. Di cose che oggi abbiamo un po’ perso.

Foto: Pinterest

Foto: Pinterest

Foto: Pinterest

Ma il fare a maglia ritorna, forte e intenso più che mai, influisce sullo stress, l’autostima, sul rimanere qui ed ora e quindi viene paragonato alla meditazione. Tuttavia senza candele e incensi, anche senza musica, solo tu e i ferri e poi la creazione che ti appare davanti, magicamente e dal nulla, perché sei proprio tu a dare vita a qualcosa che potrai anche portare. Lavorare a maglia è una un’attività perfetta come terapia contro depressione e dolore fisico. Compiere movimenti ripetuti, vedendo prender forma la propria creazione, è un ottimo stimolo a perseguire un obiettivo, che distrae la nostra attenzione dalla problematica che ci affligge in quel momento.

Foto: Pinterest

Foto: Pinterest

Foto: Pinterest

Lavorare a maglia induce infatti in tutto l’organismo una sensazione di relax totale: la tensione muscolare si allenta, la frequenza cardiaca si riduce e la pressione sanguigna diminuisce. Si può tranquillamente affermare che lavorare a maglia è paragonabile, per questi aspetti, alla meditazione. Da aggiungere il fatto, da non sottovalutare, che fare a maglia ci porta a realizzare qualcosa di unico; anche se magari non é perfetto, é comunque fatto da noi e quindi lo porteremo con tanto più piacere.

2 Comments

  1. Anna

    Lavorare a maglia è arte pura,creatività e fantasia.

    Io da piccola,avevo imparato un pochino,avevo realizzato una sciarpa azzurra …..poi però da adolescente,credevo fosse un retaggio del passato (una cosa per signore)e quindi misi da parte quell’arte.
    Oggi,mi piacerebbe tanto imparare,come si cambia Lorella nella vita!

    Un sorriso

    Anna

    • Lorella Flego

      Sento dalle donne che é davvero un’arte, ti tocca l’anima, ti fa stare bene e ti porta nel qui ed ora. Pensa che io lo facevo da bambina, ora mi metto a leggere e tuffandomi nei libri trovo il tempo per me. Ti abbraccio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.