Le Muse Country: un progetto tutto femminile

L’ho detto giá un sacco di volte e lo ripeto oggi: che bello essere donna! Ho sempre pensato che appartenere all’universo femminile sia un grande pregio e avere amiche donne rafforza ancora di piú questa convinzione. É come appartenere a una tribú che ha davvero molto in comune, pur essendo noi tutte individui diversi e molte volte anche con stili di vita alquanto originali. In questo momento di grande cambiamento e transiti é ancora piú importante rimanere connesse e magari instaurare legami dove prima non c’erano, o inventarsi progetti che ci regalino forza, autostima, amore e anche la capacitá di andare avanti ed essere positive, nonostante tutto.

Foto: Alessandra Botto

Foto: Alessandra Botto

É davvero con tanto piacere che mi sono imbattuta nel progetto Le Muse Country, al quale sono stata avvicinata dalla mia amica Laura, sorellina a distanza e donna magnetica, che mi ha catturata sin dal primo sguardo. Non ho avuto dubbi che, qualora venissero coinvolte lei, le sue amiche e una fotografa super strong, beh, il risultato sarebbe stato unico. Alessandra Botto, autrice degli scatti che vedete, mi ha spiegato la sua idea cosí: “In realtà il progetto Le Muse Country si è sviluppato mano a mano che procedevo con gli scatti e la scelta delle modelle. Tutto però nasce durante il lockdown, dove ho avuto modo di frequentare workshop online ed ammirare gli scatti di professionisti italiani ( Gastel e Toscani per citarne alcuni tra i più conosciuti) e studiare la loro gestione della luce. Il mio è un avvicinarmi alla fotografia in punta di piedi ed è recente, sono soltanto dieci anni che sviluppo questa passione! Lo stile Country poi mi ha sempre affascinata ed ho pensato che ben si sposava con questa parte di Langa ancora poco conosciuta e quindi più selvaggia! 

Foto: Alessandra Botto

Foto: Alessandra Botto

In effetti lo stile country affascina anche me. Dalla musica al ballo, passando per i film americani e gli stivali Texani, uno stile unico, che racconta anche una storia di forza e vita.  Le protagoniste degli scatti sono Giuliana, Marta e Anja (che purtroppo per il gran finale non erano presenti), Laura, Livia, Elena, Laura 2 (sorella della fotografa), Stefania, Eva e Valentina, donne comuni, ognuna con il proprio lavoro, ognuna con la propria vita. Non sono modelle, sono semplicemente donne che per la durata del servizio fotografico si sono trasformate in dive in bianco e nero. Questo lavoro mi é sembrato stupendo, in quanto ha regalato a tutte loro una prospettiva diversa e anche la possibilitá di cambiare ruolo e di vedere la vita da un’altra prospettiva. É una cosa che possiamo fare tutte, cambiare punto di vista e regalarci un giorno speciale. In tempi come questi non é cosa da poco.

Foto: Alessandra Botto

Foto: Alessandra Botto

E poi alcune di loro erano amiche, altre lo sono diventate. E tutte di età diverse, si parte dai 23 fino ad arrivare ai 52 anni, perché oggi una donna può essere bellissima anche superando abbondantemente gli “anta”, dice Alessandra. Ecco, appunto, concordo, tutte le etá hanno il loro fascino e ogni donna é bella a modo suo. Continua la fotografa: “Ogniuna di loro aveva un dettaglio significativo: un sorriso che illumina (Giuliana) la dolcezza (Elena) la determinazione (Eva) la simpatia (Livia) la bellezza eterea (Stefania) la giovinezza (Valentina) l’introspezione (Marta) la leggiadria (Laura Bongiovanni) la fermezza (Laura Botto) la solarità (Anja). Con mia grande gioia tutte loro si sono impegnate, anche nella scelta dell outfit divertendosi e creando un clima di collaborazione entusiasta e molto partecipata.

Foto: Alessandra Botto

Foto: Alessandra Botto

Foto: Alessandra Botto

Stupenda anche la scelta del total black super chic, ma anche un colore neutro e al tempo sexy, che, come dice la fotografa, lascia scoperte le caratteristiche di queste donne, i loro volti. E poi sí, ci sono le mascherine, che hanno dovuto indossare per le circostanze che conosciamo e alla fine hanno reso moltissimo. Concludo con il messaggio di Alessandra Botto, che mi sembra sufficientemente forte, da non dover aggiungere nient’altro
L’accoppiata bellezza dentro e fuori è non solo possibile, ma auspicabile.
È un invito a tutte le donne a mantenersi solari nell’ anima, e questo si proietterà di conseguenza anche sul corpo.

2 Comments

  1. Alessandra Botto

    Cara Lorella
    Sei stata bravissima!! Grande e grazie da tutte noi!!!🤗

    • Lorella Flego

      Grazie a voi, bellissime!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.