Alle porte del nuovo anno

Tra il 31 ottobre e il primo novembre si assottiglia il velo tra i due mondi, tra quello in cui viviamo e l’altra parte, intesa come regno degli spiriti, della morte e di quello che non é più tangibile. Secoli fa questo era un momento estremamente importante, nel quale si venerava il passato, si ascoltava se stessi e si dava spazio all’anima. Samhain segna anche l’inizio del nuovo anno, con il primo novembre che si trasforma in una splendida pagina bianca di un diario completamente nuovo: a noi la possibilitá di usare le parole giuste e scegliere con cura le emozioni da percepire.

Foto: Zen

Foto: Zen

Foto: Zen

Foto: Zen

Foto: Zen

Se c’é qualcosa che mi sta davvero a cuore, allora questa é indubbiamente la strega in me, la mia parte più femminile, intuitiva, pagana, intima, quella che negli anni ho imparato ad ascoltare e che ha indubbiamente tante reminiscenze del passato, di chissá quali generazioni e stirpi che hanno lasciato il segno e questo segno é come una nebbia sottile e insistente, che alzandosi si infila sotto alle porte per arrivare ovunque. La sento avvicinarsi, invitante come un abbraccio che profuma di nuovi inizi. Un’occasione speciale per mettere i punti a ciò che non serve più, per mettere da parte ciò che non ci piace di noi stessi e scegliere percorsi nuovi, migliori e anche più adatti a ciò che siamo. Ho compilato una lista delle cose di me che devo abbandonare, le paure, insicurezze, la propensione a sentire troppo il mondo e ancora poco me stessa. E proprio il 31 ottobre, a cavallo tra i due mondi, la lista andrá bruciata.

Foto: Zen

Foto: Zen

Foto: Zen

Foto: Zen

Foto: Zen

L’autunno é proprio questo, una stagione che segna il cambiamento, prima nella natura e poi dentro di noi, che ci insegna ad accettare e capire, a scegliere anche quando non se ne ha voglia, ad andare avanti e reinventarsi. Come le foglie che cambiano colore e cadendo lasciano spogli gli alberi, così anche noi abbiamo bisogno di un manto nuovo, che tra qualche mese sará freddo e innevato, ma solo per dare poi il via a una nuova vita. Mi piace pensare di poter cogliere queste occasioni, uniche nella vita, ma al contempo neppure così rare, anzi. Se ci prendiamo il tempo di guardare intorno, capiamo facilmente che é tutto, proprio tutto a portata di mano. Basta vedere e poi scegliere.

Foto: Zen

Foto: Zen

Foto: Zen

Foto: Zen

Foto: Zen

Forse il mio mondo di erbe, resine, Palo Santo, cristalli, zucche e intuizioni é in netto contrasto con le altre cose di cui scrivo. Ma lo é solo a prima vista. In realtá siamo tutti esseri amanti del bello, perché le cose belle rendono felici. Non mi spaventano i contrasti, in me convive la parte da strega e la donna molto attenta alla societá e a quello che sa offrire. Eppure, ogni qual volta sento il bisogno di solitudine o di un posto completamente mio, so ritrovare la parte più selvaggia, pagana e reale, che non solo mi conforta, ma mi protegge da tutto. Non ho mai pensato di dover scegliere, credo che non serva e non amando etichette di alcun genere mi lascio andare alla corrente, che non sbaglia mai direzione. In questo senso vivo in un’alcova stupenda, che é solo mia e non mi piace condividere, non tanto per paura di non essere capita, quanto piuttosto per un bisogno chiaro e sempre più forte di silenzio e solitudine.

Foto: Zen

Foto: Zen

Foto: Zen

Foto: Zen

Foto: Zen

A fine ottobre vi invito a cercare e trovare in noi energie un po’ assopite, a ricordare chi non c’è più, a fare le somme di ciò che è stato ma anche e soprattutto di ciò che può ancora venire. Mi piace pensare ai passi che sino ad ora sono stati fatti, ma è importante riflettere pure su ciò che vorremmo essere, concentrandoci sulla versione migliore di noi stesse. Che è sempre possibile, seppure sembra lontana é sempre raggiungibile, anche quando siamo in alto mare. Questa è, a mio avviso, un’occasione da non perdere, una fine e un inizio preziosi e unici, che in questo periodo di grandi cambiamenti e confusione donano la possibilità di rinascere. Il lato femminile e antico di ognuna di noi non può venir dimenticato, ne tantomeno zittito.

Foto: Zen

Foto: Zen

Foto: Zen

Foto: Zen

Foto: Zen

Care streghe, che questo fine settimana sia davvero speciale, che sia una splendida occasione di introspezione e crescita, un momento per rimanere un po’ più sole e ritrovare ciò che siamo veramente. Buon Samhain a tutte.

1 Comment

  1. Anna

    Buon Samhain anche a te!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *